cronaca

Calcio C, Teramo: primo buon segnale dal 2022. Salta la gara di Siena ed è meglio così

calcio-c,-teramo:-primo-buon-segnale-dal-2022.-salta-la-gara-di-siena-ed-e-meglio-cosi

TERAMO – Anche il rinvio di una sola settimana per la ripresa del campionato di Serie C, non è notizia da disprezzare in casa Teramo Calcio, anzi… (sempre sperando che la pandemia non continui ad espandersi anche tra le fila dei biancorossi).

Ripartire il 15 gennaio con una gara casalinga, per quanto quasi proibitiva appaia quella contro il Modena, è meno peggio che ripartire da Siena, con un organico pressoché analogo a quello che si è messo alle spalle il 2021 e che, a detta di tutti, va rivisto. A detta di molti va largamente rivisto.

Una settimana di tempo in più potrebbe risultare decisivo per il dipanamento della matassa giudiziaria romana, tale da permettere al gruppo del Presidente facente funzioni, Massimo Chierchia, di versare quelle somme, oggi non “libere”, nelle casse sociali teramane, necessarie per rinforzare la rosa in un certo modo… In realtà un conto è poter agire sapendo di dover destinare un tot importo al mercato, altro è doverlo fare senza appesantire l’attuale bilancio che, a detta di molti, ha una serena copertura per i prossimi due mesi.

Così fosse, e non abbiamo dubbi di sorta nel crederlo, sarebbero ovviamente inclusi i pagamenti erariali del prossimo 16 febbraio, relativi a vecchie ma regolari pendenze (diverse centinaia di migliaia di euro – ndr -). Senza fare il processo alle intenzioni, quindi, si resta alla finestra prendendo per buono il “segnale” arrivato indirettamente dalla Lega Pro e coincidente con il 2022.

Per adesso, “avventurarsi” in situazioni alternative a quella esposta, che potrebbero sempre esserci, non serve a nulla: avrebbe il sapore di “processo alle intenzioni”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: