cronaca

Martinsicuro, area per lo sport in spiaggia 

martinsicuro,-area-per-lo-sport-in-spiaggia 

È una delle novità previste nel nuovo piano dell’arenile approvato dal Comune, sarà nella zona sud

MARTINSICURO. Tra le novità del piano spiaggia di Martinsicuro c’è quella di adibire un tratto di spiaggia per lo sport sulla sabbia con attrezzature che residenti e turisti potranno utilizzare. Si tratta di una zona di circa 1500 metri quadrati che è stata individuata nella zona sud dell’arenile truentino, zona campeggi e adiacente alla zona del biotopo costiero. Zona pensata per venire incontro alle esigenze di chi vuole praticare sport in spiaggia. Sul lungomare di Martinsicuro, zona sud, adiacente la zona verde pedonale negli anni scorsi il Comune ha sistemato delle aree dove si trovano attrezzi da palestra che in estate vengono prese d’assalto dai ragazzi. Le attrezzature del “Punto Sport” dovrebbero essere finanziate con gli introiti della tassa di soggiorno che da due stagioni è in vigore nella cittadina e che questo anno ha portato nelle casse del l’ente circa 20mila euro. Altra novità del nuovo piano spiaggia riguarda l’avvio dell’iter per il ripristino della pesca con le bilance nella scogliera dell’ultimo tratto del fiume Tronto. Si tratta di una rete che viene calata in acqua e fatta risalire grazie a una corda: un vecchio sistema di pesca che rappresenta un pezzo della storia marinara della cittadina. Sono passati otto anni dal maggio del 2013, allora il sindaco era Paolo Camaioni, quando venne deciso di smantellare le circa 15 postazioni di questo tipo di pesca in quanto non vi erano autorizzazioni né sicurezza dell’area. Ora questo tipo di pesca verrà ripristinato con tanto di regolamentazione e autorizzazioni anche se l’iter per il posizionamento non sarà essere celere. Un simbolo della storia marinara della cittadina di cui in tanti hanno richiesto il ripristino. Il piano spiaggia ha avuto il voto favorevole anche di parte delle minoranze: oltre a Marco Massetti (5Stelle), anche il consigliere di Fratelli d’italia Massimo Corsi, ex assessore al turismo durante il mandato di Paolo Camaioni. «Ogni amministrazione», dice Camaioni, «ha lo scopo di migliorare il settore turistico che è patrimonio del nostro comune e lo deve fare per il bene del nostro territorio. Spero che gli amministratori, quelli attuali e quelli che seguiranno, continueranno la strada per la realizzazione dei trabocchi su due scogliere della cittadina, strada intrapresa durante il mio mandato da assessore».

Sandro Di Stanislao

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: