Redazione

FONDI PNRR, CORNELI: “IMPORTANTI STANZIAMENTI DI RISORSE PER L’ABRUZZO”

fondi-pnrr,-corneli:-“importanti-stanziamenti-di-risorse-per-l’abruzzo”

L’AQUILA – “Ottime notizie per l’Abruzzo. La fase attuativa del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) voluto dal presidente Conte prevede importanti stanziamenti di risorse per i nostri territori. Tali stanziamenti, se efficacemente intercettati dagli enti territoriali coinvolti, consentiranno finalmente la crescita che noi auspichiamo da sempre e che oggi pare finalmente essere alla nostra portata. Una crescita non solo economica, poiché ovviamente l’impiego delle risorse implicherà la creazione di nuovi posti di lavoro e una boccata d’aria per le nostre aziende, ma anche e soprattutto infrastrutturale in chiave ambientale, culturale e sociale”.

A scriverlo l’onorevole pentastellata Valentina Corneli, che aggiunge: “Difatti, con Decreto del Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, sono stati individuati i comuni beneficiari del contributo previsto per investimenti in progetti di rigenerazione urbana per gli anni 2021-2026. Complessivamente sono stati stanziati 3,4 miliardi di euro a livello nazionale, di cui circa 124 milioni destinati alle opere ammesse e finanziate in Abruzzo. Di questi, 35 milioni andranno alle 22 opere finanziate in provincia di Pescara, 12,5 milioni alle 3 opere finanziate in provincia di L’Aquila, 38 milioni alle 9 opere finanziate in provincia di Teramo e 38,5 milioni alle 32 opere finanziate nella provincia di Chieti. Solo a Teramo sono stati finanziati oltre 26 milioni di euro per tre opere, mentre a Giulianova sono stati finanziati 5 milioni per progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale”.

“Sempre ai comuni si rivolge l’avviso in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e già consultabile sul sito della Finanza locale, con cui sono state definite le modalità di presentazione dell’istanza da utilizzare ai fini della richiesta di contributi, per l’annualità 2022, per interventi di messa in sicurezza degli edifici e del territorio, nel limite complessivo di 450 milioni di euro. Si tratta, più in dettaglio, di fondi stanziati dal Governo del presidente Conte per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, di strade , ponti e viadotti, nonché per la messa in sicurezza ed efficientamento energetico degli edifici, con precedenza per gli edifici scolastici. Le domande potranno essere inoltrate esclusivamente con modalità telematica entro il 15 febbraio 2022, a pena di decadenza”.

“Infine, è stato pubblicato il bando dell’Agenzia per la Coesione territoriale, rivolto alle farmacie rurali che si trovano in centri con una popolazione inferiore ai 3.000 abitanti, che sono molto numerosi in Abruzzo. Attraverso questi finanziamenti le farmacie rurali potranno erogare servizi sanitari di prossimità territoriale come assistenza domiciliare, prestazioni di secondo livello, erogare farmaci che il paziente è ora costretto a ritirare in ospedale, nonché monitorare pazienti con la cartella clinica elettronica e il fascicolo farmaceutico. Anche in questo caso si tratta di un contributo che va “intercettato”. Difatti le domande di partecipazione dovranno essere inoltrate entro il 30 Giugno 2022, esclusivamente attraverso la piattaforma informatica: https://farmacierurali.agenziacoesione.gov.it”.

“Ora dobbiamo arrivare al più presto all’approvazione anche al Senato della legge sul lobbismo, che abbiamo approvato ieri alla Camera, e che consentirà di mettere in luce chi influenza le decisioni del Governo, del Parlamento e degli enti locali per la gestione dei fondi. Un traguardo storico, che il Paese attende da mezzo secolo e che ci aiuterà a far in modo che tutti questi soldi mai visti prima nei nostri territori vengano utilizzati nell’interesse dei cittadini abruzzesi e delle future generazioni”, conclude Corneli.

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Articolo


    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: