cronaca

Novecento studenti in sciopero sollecitano la didattica a distanza 

novecento-studenti-in-sciopero sollecitano-la-didattica-a-distanza 

La protesta alle superiori (con bassa adesione). Delegazione di ragazzi ricevuta in municipio L’assessore: «Il governo vuole lezioni in presenza, chiesta una valutazione all’Asl sui possibili rischi»

di Eleonora Berardinetti

AVEZZANO. Novecento studenti scioperano e non si presentano a scuola chiedendo l’attivazione della didattica a distanza. Diversi banchi, ieri mattina, sono rimasti vuoti, sia per le assenze legate a contagi e quarantene che per questa astensione dalle lezioni (900 sui circa 4.500 studenti delle superiori, ndc). Allo Scientifico la percentuale più bassa dello sciopero. Il giorno prima le scuole erano rimaste chiuse per il maltempo. Ma, come disposto dalle nuove norme anti-Covid, e come ribadito lunedì sera anche dal premier Mario Draghi, la didattica a distanza potrà essere attivata solo in alcune particolari condizioni che per il momento in città non si stanno verificando.

Per questo il Comune di Avezzano, nella persona dell’assessore all’Emergenza sanitaria, Maria Teresa Colizza, ha potuto solo ribadire, ai rappresentanti degli studenti incontrati ieri mattina, quanto previsto nell’ultimo decreto. Le argomentazioni di Leonardo D’Andrea del Liceo classico e Andrea Conte dell’Istituto agrario sono state ascoltate con attenzione dall’assessore Colizza che è scesa nel dettaglio dei dati del recente screening al quale hanno partecipato poco più di 2.200 studenti e docenti, sottolineando una partecipazione maggiore al prossimo appuntamento previsto per il 31 gennaio e aperto all’intera popolazione.

«Le possibilità dell’amministrazione», ha spiegato la Colizza, «devono tener conto di questa normativa, la linea del governo è favorevole a fare tutto il possibile per mantenere la didattica in presenza e preservare il futuro formativo degli alunni. I risultati dell’ultimo screening svolto in città spingono alla prudenza ma non legittimano di per sé decisioni contrarie alla ripresa delle lezioni in presenza. Considerato che nelle scuole superiori arrivano alunni da tutta la Marsica abbiamo chiesto alla Asl valutazioni sui contagi registrati in tutto il territorio marsicano per avere un quadro completo dei rischi».

Il giorno prima, il Comune di Avezzano, tramite una nota inviata dal vicesindaco facente funzioni di sindaco, Domenico Di Berardino, ha chiesto alla Asl un parere sulla possibilità di attivare la Dad.

«Abbiamo avuto modo di dialogare con gli amministratori, che sono stati molto disponibili ad ascoltarci», ha affermato D’Andrea del Liceo Torlonia, «attualmente hanno in mano solo i dati dello screening dell’8 e del 9 gennaio al quale ha partecipato una minima parte degli studenti. Ci è stato spiegato che al momento non si può attivare la Dad in base a quanto stabilito dal decreto, aspettiamo che si confrontino con la Asl per avere maggiori delucidazioni. Torneremo a scuola nella speranza che almeno vengano potenziati i trasporti per il rispetto del distanziamento». Secondo Conte, altro rappresentante di scuola, «il diritto alla salute è costituzionalmente garantito; nello stesso tempo è anche garantito il diritto allo studio, perciò si deve dare la possibilità a tutti di interpretarlo nella maniera più opportuna, al di là delle considerazioni personali. Siamo in parte soddisfatti per l’incontro con l’assessore Colizza, anche se le nostre aspettative erano ben diverse. Continueremo a seguire da vicino la vicenda e chiederemo all’amministrazione comunale di prorogare la campagna di screening gratuiti per gli studenti, sollecitando una maggiore affluenza da parte dei ragazzi».

Ha fatto appello al buon senso dei giovani il dirigente del Majorana, scuola-polo dell’ambito “Aq 2” della Marsica, Piero Buzzelli, che nei giorni scorsi ha avuto modo di parlare con gli studenti e di spiegare loro che «non possiamo attivare la didattica a distanza. Non ci compete, noi dobbiamo seguire il decreto e attenerci alle nuove regole. Confidiamo nel buon senso».

Oggi le lezioni riprenderanno regolarmente. In presenza.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: