Redazione

PESCARA: AL MUSEO GENTI D’ABRUZZO INAUGURAZIONE DI “TRAME DI COLORE”, MOSTRA DI CATERINA MATRICARDI

pescara:-al-museo-genti-d’abruzzo-inaugurazione-di-“trame-di-colore”,-mostra-di-caterina-matricardi

PESCARA – Spumeggiante, evocativa, intensa: “Trame di colore”, la personale di Caterina Maura Matricardi apre la stagione 2022 del Museo delle Genti d’Abruzzo a Pescara. Inaugurazione alle 17,30 di sabato 15 gennaio, nello Spazio Arte in via delle Caserme.

“Prosegue la nostra ricerca sul territorio – sottolinea la direttrice della Fondazione Genti d’Abruzzo Letizia Lizza – per valorizzare quei talenti nascosti che sono parte integrante, con le loro opere, del tessuto culturale della nostra regione. Artisti che vivono con passione la loro creatività, cercando percorsi espressivi originali”.

E’ il caso di Caterina Maura Matricardi, ortonese, appassionata di cinema. Nel suo tratto si riconosce, delicata, la passione per Truffaut. Si appassiona alla pittura da adolescente, nel 1985 ottiene il terzo premio per la pittura estemporanea al concorso nazionale “Basilio Cascella”. Il suo rapporto con l’arte vive fasi alterne, fin quando, nel 2018, intraprende la ricerca di nuove forme espressive: scopre la manualità nella creazione di oggetti in cartapesta (maschere, contenitori) e trasferisce poi la carta sulla tela, in composizioni originali e fortemente impattanti, riprende a dipingere con colori e pennarelli acrilici. Una produzione quasi incessante che riempie il vuoto sociale imposto dal lockdown.

“Lavorare per questa mostra mi ha aiutato ad affrontare un periodo difficile che ci ha coinvolto tutti – afferma Matricardi – ci ha isolato calando sulle nostre vite una coltre pesante di paura e insicurezza, e la mia strada per uscirne è stata quella di rispolverare una passione sopita per l’arte intesa come agire corporeo, manuale.

Le tele esposte sono realizzate con colori acrilici, e per la maggior parte con carta colorata, acqua e colla a volte combinate all’acrilico, ma ho usato anche cartone ondulato, legumi e resina epossidica”.

La mostra, aperta fino al 23 gennaio, sarà visitabile dal mercoledì al venerdì dalle 9,00 alle 13,00, sabato e la domenica dalle 16,00 alle 20,00, sempre nel rispetto delle norme anticontagio in vigore. L’ingresso è gratuito.

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Articolo


    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: