cronaca

“Sono incinta”, e l’imprenditrice l’assume a tempo indeterminato: “Le andremo incontro, perché i lavoratori devono essere sereni”

“sono-incinta”,-e-l’imprenditrice-l’assume-a-tempo-indeterminato:-“le-andremo-incontro,-perche-i-lavoratori-devono-essere-sereni”

PADOVA. Se fa ancora notizia, significa che il problema è bel lungi dall’essere risolto. Ma nonostante l’arretratezza generale, sul fronte del divario di genere ogni tanto si illumina qualche piccola stella, con la speranza che tracci la strada da seguire.

La notizia è la seguente: collaboratrice incinta assunta a tempo indeterminato. Bastano queste parole chiave per dare l’idea di una situazione molto rara nell’Italia di oggi. E invece Monica Bortolami, titolare di un’agenzia di comunicazione, ha deciso di fare così. “Vado controcorrente, non credo che i giovani non abbiano voglia di lavorare. Anzi. Vanno però aiutati. Ci sono giovani bravi e capaci ma a volte non si creano le condizioni”. Creare le condizioni, questo è il punto.

Ester Beda, 28 anni, collaborava con l‘agenzia Noima di Padova ormai da tre anni e venerdì scorso è stato il suo ultimo giorno di lavoro prima di entrare in maternità. “È precisa, responsabile, affidabile” precisa la titolare. “Cercheremo di andare incontro alle sue esigenze di mamma, quando tornerà. Voglio che sia serena. Perché le persone hanno bisogno di essere serene per lavorare bene”. L’agenzia, finora, ha assunto due dipendenti.

La Banca d’Italia stima che se l’occupazione femminile sia crollata dal 60 al 50%. Le donne laureate sono in netta maggioranza rispetto agli uomini, ma quelle occupate sono solo il 28%. Monica Bortolami, titolare di Noima, ha assunto la sua dipendente a tempo indeterminato proprio nel momento della gravidanza: “Dovrebbe essere la normalità, ma non lo è. Sono donna e mamma: non avrei mai lasciato a casa una ragazza incinta”. Contenta, ovviamente, la dipendente. “Mi ha detto che si era sempre trovata bene con me. E’ importante non trovarsi chiuse le porte in faccia in momenti così importanti della vita”, dice Ester.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: