cronaca

Porto di Giulianova: Erasmus con 30 studenti provenienti da Spagna, Turchia e Polonia

porto-di-giulianova:-erasmus-con-30-studenti-provenienti-da-spagna,-turchia-e-polonia

GIULIANOVA – Nell’ambito di un progetto internazionale 30 studenti provenienti da Spagna Turchia e Polonia, di età compresa tra i 10 ed i 13 anni, hanno visitato il Porto di Giulianova guidati dalla locale sezione della Lega Navale Italiana e dalla Guardia Costiera.

I ragazzi partecipanti al progetto “Trust Kids: Our cultural Heritage Entrusted To Tiny Hands” sono giunti oggi al porto di Giulianova grazie alla collaborazione tra la sezione di Giulianova della Lega Navale Italiana, l’istituto comprensivo statale “Savini – San Giuseppe – San Giorgio” di Teramo e la Guardia Costiera di Giulianova.

I circa 40 partecipanti, tra ragazzi e docenti, sono giunti in porto verso le 9.30 e sono stati accolti dall’istruttore che, nella veranda della Lega Navale Italiana, ha organizzato per loro varie attività culturali e sportive.

Nella prima parte della visita i ragazzi hanno potuto conoscere la storia di “Castrum Novum”, antica colonia Romana, l’archeologo e istruttore di vela Marco Antognozzi li ha guidati in un viaggio dal 300 AC fino ai giorni nostri.

Dopo aver trattato argomenti relativi allo sport della Vela ed aver appreso la nomenclatura delle barche il gruppo si è diretto verso la banchina dei mezzi della Guardia Costiera dove ad accogliere gli studenti c’era l’equipaggio della motovedetta CP 884 SAR al comando del M.llo Potenza. I ragazzi hanno quindi potuto ascoltare la spiegazione di come funziona la macchina dei soccorsi della Guardia Costiera e le procedure del Search And Rescue che vengono applicate. Infine a gruppi da sette tutti hanno potuto visitare la motovedetta.

Il giro è continuato lungo la passeggiata del porto fino ad arrivare al molo Sud dove sono state mostrate loro le ceramiche di Castelli che ornano il molo ed è stato possibile visitare uno dei “caliscendi” tipici della costa adriatica e generalmente noti come “Trabocchi”.

Tornati alla LNI la visita è terminata con una sessione pratica in cui i ragazzi si sono cimentati con l’armo di una deriva e con la realizzazione di vari nodi ed un rinfresco offerto dalla sezione. Alle 13.00 dopo i saluti il gruppo si è diretto al ristorante nei pressi del porto per consumare il pasto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: