pescara

Estate senza cantieri sull’A14: stop da giugno a settembre 

estate-senza-cantieri-sull’a14: stop-da-giugno-a-settembre 

Lavori fermi anche nelle principali festività e fino a gennaio: «Agevoliamo il turismo»

di Monica Pelliccione

Stop ai cantieri sull’A14 dal ponte del 2 giugno e per tutto il periodo estivo. Stop anche durante le festività in calendario, fino al 9 gennaio 2023. Così da evitare i disagi a causa dei lavori che l’anno scorso, nel periodo vacanziero e durante i weekend, hanno condizionato l’estate degli automobilisti, in coda per ore lungo l’autostrada adriatica. La comunicazione ufficiale di Autostrade per l’Italia è arrivata nel corso del seminario “La rete del futuro. Aspi dialoga con il territorio”, a San Benedetto del Tronto, in cui è stato fatto il punto sull’avanzamento del piano di ammodernamento in corso del tratto autostradale tra Pedaso e Val di Sangro.

Presenti anche i presidenti della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e della Regione Marche, Francesco Acquaroli. Marsilio ha colto l’occasione per ribadire come «la realizzazione della terza corsia non può più attendere: è una priorità e va programmata sull’intero tracciato fino alla Puglia». I nuovi investimenti, già previsti o allo studio della concessionaria, per potenziare e ammodernare la dorsale adriatica ammontano a 220 milioni di euro per l’Abruzzo e 190 milioni per le Marche.

CANTIERI FERMI

Il cronoprogramma presentato da Autostrade per l’Italia conferma la prosecuzione degli interventi di ammodernamento e di adeguamento alla normativa europea antincendio dei fornici, fino a giugno. Per tutto il periodo estivo, invece, è prevista la sospensione dei cantieri permanenti che hanno un impatto sulla viabilità.

Il primo fermo si avrà dal 1° e al 6 giugno. I lavori si bloccheranno, poi, da venerdì 24 giugno a martedì 6 settembre. «L’interruzione delle lavorazioni consentirà», ha spiegato Autostrade per l’Italia, «di garantire una maggiore fluidità al traffico per le settimane estive, caratterizzate da un incremento dei flussi a causa degli spostamenti verso le località di mare e dal rientro dalle vacanze verso le città. Dal mese di settembre, invece, i tratti marchigiani e abruzzesi della A14 saranno interessati da una nuova fase di interventi di ammodernamento delle barriere di sicurezza dei viadotti. Le attività proseguiranno fino al mese di gennaio, prevedendo, a tutela di una più efficiente percorribilità del tratto, delle interruzioni in occasione delle principali festività: il ponte di Ognissanti, dal 28 ottobre al 2 novembre, quello dell’Immacolata, dal 7 al 22 dicembre e per l’intera durata delle festività natalizie, dal 23 dicembre 2002 al 9 gennaio 2023».

PIANO D’AMMODERNAMENTO

«Inauguriamo un format che intendiamo replicare su tutti i territori attraversati dalla rete gestita da Autostrade per l’Italia: abbiamo scelto di partire proprio da qui, perché è in corso un piano di ammodernamento della rete nelle regioni Marche e Abruzzo, in particolare sulla A14, asse nevralgico di comunicazione per la dorsale adriatica», ha dichiarato Roberto Tomasi, amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, «le attività avviate negli ultimi anni, sono interventi imprescindibili anche nell’ottica di un rilancio dell’economia del territorio: del resto, solo il lavoro che stiamo portando avanti, per garantire alle future generazioni infrastrutture moderne e sostenibili, consentirà di affrontare in maniera adeguata il futuro e le sfide che ci attendono. La presenza delle istituzioni locali, delle parti sociali e delle associazioni di categoria, ci offre la grande opportunità di costruire un piano condiviso e strutturato in base alle reali esigenze del territorio», ha concluso Tomasi, «ci stiamo adoperando, anche in base alle indicazioni del territorio, affinché si riduca l’impatto del piano di ammodernamento messo in campo: un programma necessario per la sicurezza degli utenti e delle infrastrutture». Il piano prevede un investimento da 220 milioni di euro per l’Abruzzo.

PRIORITà TERZA CORSIA

Marsilio ha preso la parola per esprimere «soddisfazione per come si stanno organizzando i lavori». «Lo scorso anno abbiamo vissuto una stagione estiva complessa, condizionata negativamente dai continui blocchi sulla A14 e da file chilometriche», ha detto Marsilio, «abbiamo avuto più incontri, anche con la mediazione del ministero dei Trasporti, per individuare modalità più opportune e minimizzare gli impatti, avanzando proposte specifiche. Quest’anno si riparte con una maggiore disponibilità a evitare l’apertura di cantieri nel periodo estivo per permettere la massima fruibilità dell’autostrada. Un lavoro di confronto che continueremo a portare avanti con la concessionaria, il governo e le Regioni interessate».

Poi, Marsilio ha virato sulla necessità di un ammodernamento della struttura che esiste, che deve andare di pari passo con «un intervento infrastrutturale di altra natura. Tre anni fa ho sollevato il tema della terza corsia», ha ricordato, «la prima risposta da parte di Autostrade per l’Italia è stata: c’è poco traffico per giustificare un intervento su questo tratto. Nel frattempo, siamo andati avanti nella discussione, abbiamo costituito un coordinamento con Marche, Molise e Puglia; oggi torniamo a porre al centro del dibattito politico nazionale il tema delle infrastrutture nell’Adriatico Centro-meridionale. Non possiamo più attendere: la terza corsia è una priorità e va programmata sull’intero tracciato fino alla Puglia».

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: