cronaca

G.Braga: appuntamento con la seconda giornata di “Accordion Spring Fest – Festival della Fisarmonica”

g.braga:-appuntamento-con-la-seconda-giornata-di-“accordion-spring-fest-–-festival-della-fisarmonica”

TERAMO – Saranno Massimo Pigini, che ripercorrerà la Storia della Fisarmonica, e la musica del Maestro Luigi Gordano i protagonisti domani, venerdì 13 maggio, della seconda giornata dell’Accordion Spring Fest, la prima edizione del Festival della Fisarmonica, promosso dal Conservatorio Statale di Musica ‘G. Braga’ di Teramo con il Direttore del Conservatorio ‘Braga’ Tatjana Vratonjic, evento che fino a sabato 14 maggio proporrà concerti, masterclass e conferenze dibattito dedicate alla scoperta della storia e della poliedricità dello strumento musicale, iniziativa che vede come coordinatori artistici il docente di Fisarmonica Classica Massimiliano Pitocco e il docente di Fisarmonica Jazz Renzo Ruggieri.

Il Conservatorio Braga – ha sottolineato il Direttore Vratonjicè tra i più virtuosi in Italia grazie all’ampia offerta formativa e al crescente numero di iscritti, elementi che rappresentano un incentivo all’organizzazione di un’attività extradidattica importante che permetta agli studenti di sperimentare subito il proprio talento oltre che le abilità acquisite in classe nelle ore di didattica. La classe di Fisarmonica classica è attiva già da quattro anni ed è stata affidata al docente abruzzese Massimiliano Pitocco, noto per la sua produzione concertistica a livello internazionale, e che è anche titolare della cattedra presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma. La classe di Fisarmonica Jazz, prima cattedra istituita in Italia, è invece affidata al Maestro Renzo Ruggieri, anch’egli noto in campo internazionale quale concertista e docente. Il Festival che il nostro Conservatorio sta vivendo ci consentirà di valorizzare l’importanza della Fisarmonica che da sempre ha fatto parte della tradizione musicale abruzzese e che ha visto protagonisti alcuni dei ‘padri’ maggiori della musica italiana”.

Il programma degli eventi domani, venerdì 13 maggio, prevedere l’apertura alle ore 9 con la seconda Masterclass tenuta dal Maestro Massimiliano Pitocco per la fisarmonica classica, dal Maestro Vladmir Mandic, dalla Serbia, sempre sulla fisarmonica classica, e dal Maestro Renzo Ruggieri sulla fisarmonica jazz-moderna; alle 11.45 Conferenza di Massimo Pigini su ‘La Storia della Fisarmonica’; alle 14.30 quarto Masterclass dei Maestri Pitocco, Mandic e Ruggieri; alle 18.45 chiusura con il Concerto di Fisarmonica classica di Luigi Gordano.

Massimo Pigini nato a Castelfidardo nel 1958 ha iniziato fin da piccolissimo a frequentare l’azienda di famiglia. L’abitazione si trovava proprio sopra il laboratorio e quindi per lui la ‘bottega’ di suo padre era quasi un parco giochi. Cresciuto con i suoni provenienti dalla falegnameria, con il profumo dei legni, con le melodie degli artisti che provavano le fisarmoniche, nel 1977 all’età di 19 anni decide di entrare a far parte dell’azienda di famiglia come operaio. Nei primi anni di lavoro sotto la guida del papà Gino approfondisce i numerosi aspetti produttivi, di scelta dei materiali ed organizzativi che servono a far funzionare bene un’azienda che produce fisarmoniche di altissima qualità. In questi anni di appassionato impegno ha portato la Pigini fisarmoniche a raggiungere traguardi sempre più prestigiosi, allargando il mercato fino a creare una rete di distributori specializzati in oltre 40 paesi esteri. Sempre vicino ai più grandi artisti e pedagoghi italiani e non del nostro tempo come Semionov, Lips, Lacroix, Ellegaard, e tantissimi altri, così tanti che non sarebbe possibile nominarli tutti, impegna le sue capacità per capire prontamente le esigenze della musica, e, grazie alla profonda conoscenza del prodotto e dell’acustica, durante la sua direzione hanno visto la luce strumenti che sono pietre miliari per il mondo della fisarmonica: dai modelli come il MYTHOS ed il SIRIUS, strumenti di altissima qualità e altamente performanti per grandi artisti e concertisti, fino ad arrivare al PETER PAN, un piccolo gioiellino che sa attirare la curiosità e l’attenzione dei bambini, avvicinandoli in modo simpatico e gioioso al mondo della fisarmonica. A tutto questo si è poi aggiunta una grande passione per la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie da utilizzare nella produzione degli strumenti, che ha portato l’azienda ad avere una efficace ed efficiente automazione in alcune fasi di lavorazione, garantendo sempre un perfetto equilibrio tra antiche tradizioni e metodologie ed innovativi processi produttivi. Nel 2009 la ‘Royal Academy of Music’ di Londra, uno dei Conservatori più prestigiosi al mondo, lo ha insignito del titolo ‘Honorary Associate Member’. Dal 2020 al 2021 è stato Presidente dell’Associazione Music Marche Accordions – AMMA. Un’associazione senza fini di lucro che rappresenta la gran parte dei produttori di fisarmoniche e loro componenti operanti a Castelfidardo e zone limitrofe. Un’associazione che ha come scopo principale la valorizzazione e la promozione della fisarmonica a livello nazionale ed internazionale. Nel 2021 dopo il passaggio di consegne nella direzione dell’azienda a suo figlio Federico Pigini, ricopre il ruolo di Presidente dell’azienda. Sempre nel 2021 è socio di una famosa azienda produttrice di voci per fisarmoniche di Castelfidardo – NUOVA ARTIGIANA VOCI – ricoprendo il ruolo di Amministratore Delegato. Ha tenuto numerose conferenze sulla storia della fisarmonica, sulla sua costruzione e sul suo futuro in molti conservatori internazionali tra gli altri Londra, Amsterdam, Graz, Cina, Vietnam, Russia e in numerosi conservatori Italiani. Un grande visionario, capace di guardare lontano e trasformare in realtà le sue idee.

Luigi Gordano intraprende gli studi musicali all’età di 4 anni sotto la guida del M.Ottavio Giglio. Si affaccia al mondo della musica classica in età adolescenziale con il M.Giuseppe Scigliano. Entra nella classe del M.Scigliano nel 2016 nel Conservatorio D.Cimarosa. Nell’ottobre del 2019 si laurea con votazione 110 cum laude e menzione speciale al Conservatorio D. Cimarosa. Nel 2021 vince la borsa di studio organizzata dal Conservatorio G.Martucci insieme al “Rotary Club Salerno Duomo” confermandosi come miglior allievo del Conservatorio. Nello stesso anno termina gli studi al Conservatorio G.Martucci di Salerno con votazione 110 cum laude e menzione speciale. Frequenta numerose masterclass con i più importanti docenti internazionali: Mario Stefano Pietrodarchi, Raimondas Sviackevicius, Vojin Vasovic, Frederich Lips, Yuri Medianik, Vladimir Zubitsky, Dario Flammini, Pavel Fenyuk, Miliam Bjeletic, Angelo Miele. Ha vinto numerosi concorsi nazionali ed internazionali, sia come solista che come componente di formazioni cameristiche: “Swiss International Music Competition”, “Città di Belluno”; “Borsa di Studio Rotary Club Salerno”, “Premio Nazionale delle Arti” istituito dal Ministero dell’Università e della Ricerca;, “Giovani Musicisti Del Mondo”, “Diapason d’Oro”, “Città di Castelfidardo”, ”Città di Palmi”, “San Vincenzo la Costa”; “Città di Bracigliano”, “Città di Nocera Inferiore”, “Città di Nocera Inferiore”. Ha al suo attivo numerosi concerti in tutta Italia, la sua ricerca sul repertorio classico e contemporaneo è sempre finalizzata allo sviluppo e alla scoperta di nuove tecniche per la letteratura fisarmonicistica. Suona sia come solista che nell’orchestra sotto la direzione della M. Stefania Rinaldi in occasione dell’evento “La voce dei venti sonori” per il Napoli Teatro Festival. E’ dedicatario del brano Epigram di Enrico Meloni, prima esecuzione in occasione del festival “Le Forme Del Suono” presso l’Auditorium del Conservatorio O.Respighi di Latina. Nel 2019 vince la selezione italiana per rappresentare l’Italia alla Coupe Mondiale, nell’agosto dello stesso anno si classifica 8° su 50 partecipanti nella cat. Master della Coupe Mondiale a Shenzhen in Cina. Ha inciso e suonato la prima assoluta del brano Il Filo di Arianna di Andrea Moro, per Fisarmonica Bayan e orchestra, con l’orchestra C.Schumann di Crotone. Ha suonato presso il Teatro Sferisterio di Macerata sia da solista che facendo parte delle 100 Fisarmoniche dirette da Enrico Melozzi, per il Macerata Opera Festival. Viene invitato dalla Fondazione Arpa, con Presidente Onorario Andrea Bocelli, e ha l’onore di suonare insieme a musicisti di fama mondiale come: Maria Luigia Borsi (Soprano), Brad Repp (Violino) e Roberto Barrali (Pianoforte). Il 31 Ottobre 2021 è ospite del programma “Uno Mattina in Famiglia” di Rai 1 per un’intervista. Ha suonato in numerosi teatri e sale da concerto, tra le più rinomate si ricordano: Sala Medaglioni del Conservatorio Santa Cecilia (Festival Contemporary Accordion), Conservatorio Respighi (Festival “Le Forme del Suono”), Auditorium “Vincenzo Vitale” di Avellino, Palazzo Abbaziale Loreto di Montevergine (Napoli Teatro Festival), Bruno Mazzotta Hall, Gallerie Palazzo Zevallos di Napoli, Teatro Diana di Nocera Inferiore, Palazzo Baronale De Conciliis (Cilento International Music Festival), Auditorium del Palazzo De Simone, Xixiang Music Valley Concert Hall in Shenzhen, Teatro degli Industri di Grosseto, Cattedrale di San Lorenzo di Grosseto, Giardino Scotto di Pisa (Fondazione Arpa), Tenuta dei Normanni di Salerno (Festival delle Colline Mediterranee), Teatro Sferisterio di Macerata (Macerata Opera Festival), Badia di San Vito in Aquilonia, Borgo Castello in Calitri, Fontana liri (Fontana Lirica), Chiesa di Santa Maria de Lama (Giornate europee UNESCO), Ex Convento di San Francesco in Pordenone (Fadiesis Accordion Festival), Scuderie di Palazzo d’Attimis in Maniago (Pordenone Music Festival).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: