Redazione

Stella: ‘Malati oncologici in balia della Asl Chieti’

Stella: 'Malati oncologici in balia della Asl Chieti'

RSS Before Content X

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 13 Maggio 2022 @ 17:34

“Prenotare una risonanza magnetica può diventare un’odissea”

Chieti. “Le segnalazioni che in questi giorni sto ricevendo da parte di alcuni cittadini hanno dell’incredibile. Ci sono malati oncologici gravi che necessitano di una risonanza magnetica addominale, indispensabile e propedeutica alla programmazione dell’intervento chirurgico al quale devono sottoporsi, ma non riescono a prenotarla. A quanto pare nella Asl Lanciano-Vasto-Chieti non esiste un calendario per queste prestazioni e per avere un data disponibile bisogna sperare in una disdetta dell’ultimo minuto. Purtroppo, però, capita anche che se un cittadino di Chieti ottiene una prenotazione nell’ospedale di Lanciano, questa poi viene rinviata, il giorno prima dell’appuntamento, a data da destinarsi e la motivazione fornita pare sia la mancanza dei medici”.

Interviene così il Consigliere regionale del M5S Barbara Stella, in merito alla difficoltà di molti cittadini nella prenotazione di prestazioni sanitarie.

“Di fronte a queste inefficienze nei casi più gravi e urgenti spesso i cittadini sono costretti a rivolgersi a strutture a pagamento perché la tempestività della diagnosi, per queste patologie, può salvare la vita. Purtroppo, però, non tutti sono in grado di affrontare queste spese che possono essere anche molto esose, quindi restano incollati tutti i giorni al telefono nella speranza che il cup possa trovare per loro una soluzione. Mi chiedo se il Direttore Generale Schael abbia piena contezza di queste situazioni che, se fossero confermate, sarebbero molto gravi. Un malato oncologico e i suoi familiari, già gravemente provati psicologicamente, non dovrebbero in alcun modo vivere assurde odissee per accedere alle prestazioni sanitarie di cui necessitano. Così come il diritto a curarsi non può diventare un “lusso” ma deve essere garantito a tutti i cittadini, come sancisce l’articolo 32 della Costituzione”.

E conclude, “è evidente che la direzione generale della Asl 02 non è in grado di trovare soluzioni ai tanti problemi che stiamo denunciando da troppo tempo. Per questo interrogherò l’Assessore alla salute Verì per avere spiegazioni in merito alle segnalazioni che ho ricevuto e soprattutto per chiedere quali azioni la regione e la Asl 02 intendono mettere in campo per evitare che casi simili si ripetano in futuro”.

RSS After Content X

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: