cronaca

Verì: «Così potenziamo i servizi per l’ospedale dell’Annunziata» 

veri:-«cosi-potenziamo-i-servizi per-l’ospedale-dell’annunziata» 

Arrivo dell’hospice, assunzioni e dirigenti nei reparti, nuove apparecchiature e pista dell’elisoccorso L’assessore regionale si confronta con i vertici dell’Asl, il sindaco Di Piero e il personale della struttura

SULMONA. Organici dell’ospedale dell’Annunziata da potenziare. Attribuzioni di funzioni di direzione delle unità operative. Realizzazione di un hospice. Individuazione di spazi idonei per l’endoscopia digestiva. Sostituzione di alcune apparecchiature richieste dai medici. Pista dell’elisoccorso. Ha preso tanti appunti, promettendo interventi, l’assessore regionale Nicoletta Verì, ieri a Sulmona per un confronto sullo stato di salute della sanità peligna.

«Un momento di ascolto e confronto attivo con gli operatori sanitari del presidio e il sindaco della città», l’ha definito Verì, con delega alla Salute, «per affrontare le criticità e stilare un elenco di priorità da risolvere nel più breve tempo possibile, grazie alla collaborazione tra Regione, Comune e Asl».

Alla riunione hanno preso parte il sindaco Gianfranco Di Piero, il direttore dell’Agenzia sanitaria regionale, Pierluigi Cosenza, il manager della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, Ferdinando Romano, il direttore sanitario aziendale Alfonso Mascitelli e il direttore sanitario del presidio Maurizio Masciulli, oltre a consiglieri regionali e comunali.

«Esattamente una settimana fa», ha sottolineato Verì, «avevo incontrato il direttore sanitario Masciulli per fare un primo punto della situazione e in quell’occasione avevamo stabilito di rivederci insieme a una rappresentanza degli operatori sanitari e del sindaco, così da ampliare la visione su quelle che sono le istanze più urgenti da portare avanti per il nosocomio peligno».

La Verì ha rimarcato «la grande professionalità e abnegazione del personale dell’ospedale, che nei periodi più critici della pandemia ha lavorato senza sosta per garantire la sostituzione dei colleghi malati e la continuità anche di alcuni servizi a Castel di Sangro e nei presidi territoriali».

«La Asl», ha aggiunto Verì, «ha già avviato diverse procedure di reclutamento, che serviranno a potenziare gli organici, oltre ad attribuzioni di funzioni di direzione delle unità operative».

Nel corso dell’incontro si è parlato della realizzazione di un hospice, struttura che ad oggi non è attiva sul territorio. Nei prossimi giorni è previsto un sopralluogo dei tecnici dell’ingegneria clinica dell’Asl per l’individuazione di spazi idonei per l’endoscopia digestiva e contemporaneamente si procederà alla sostituzione di alcune apparecchiature richieste dai medici.

«Abbiamo anche rimarcato», conclude Verì, «gli ottimi risultati raggiunti in oncologia sul fronte integrazione ospedale-territorio e sono stati analizzati gli stati d’avanzamento della realizzazione della piattaforma per l’elisoccorso». (r.rs.)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: